VOOC, SuperVOOC e Wireless VOOC: le tecnologie di ricarica di OPPO

499,99
disponibile
18 Settembre 2021 07:18
Amazon Amazon.it
Aggiornato il: 18 Settembre 2021 07:18

Tra i brand che nel corso degli ultimi anni si stanno affermando troviamo anche OPPO. Il gigante della telefonia che, insieme a Xiaomi, sta conquistando il mercato non si dedica solamente alla creazione di smartphones, ma ha le mani in pasta anche nel campo della tecnologia di ricarica. In maniera analoga a quello che ha fatto Xiaomi con la sua Mi Charge Turbo, questa azienda ha creato non una, bensì tre tipi di tecnologie di ricarica che si differenziano tra loro per diversi fattori. Sono state presentate il 17 settembre a Shenzhen e tutte e tre usano il nome di VOOC anche se i loro nomi completi sono 65W SuperVOOC Fast Charge 2.0, 30W Wireless VOOC Flash Charge e VOOC Flash Charge 4.0. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

65W SuperVOOC Fast Charge 2.0

Questo tipo di ricarica ultra veloce verrà montato sul prossimo smartphone Reno Ace e rappresenta una tra le soluzioni più avanzate al mondo che permette DI caricare completamente una batteria da 4000 mAh in soli 30 minuti. L’efficienza di questa tecnologia per la ricarica è di un altro livello anche dal punto di vista hardware: infatti, per quanto riguarda i componenti fisici OPPO ha adottato ben cinque misure di sicurezza sull’adattatore e sul filo per garantire la massima sicurezza durante la ricarica; inoltre, l’azienda ha utilizzato semiconduttori al nitruro di gallio (GaN), che accorciano esponenzialmente i tempi di ricarica e riducono le dimensioni dell’adattatore.

65W SuperVOOC 2.0

30W Wireless VOOC Flash Charge

Questa è tra le migliori tecnologie di ricarica wireless sul mercato: il motivo è che tale Flash Charge consente al VOOC wireless di essere alla pari, in termini di efficienza e velocità, del VOOC via cavo. Questo tipo di ricarica wireless da 30W permette a una batteria da 4000 mAh di raggiungere una carica completa in 80 minuti. Anche i dispositivi che non possono ricevere più di 5W o 10W possono usufruire di tale ricarica. Per evitare il surriscaldamento dei devices, OPPO ha affermato di aver adottato “diversi materiali per l’hardware, HDVC e una funzione di rilevamento di oggetti estranei“: ciò vuol dire che la ricarica viene bloccata appena il dispositivo rileva un corpo estraneo (magari all’interno della fessura di ricarica).

30W Wireless VOOC Flash Charge

VOOC Flash Charge 4.0

Grazie a una maggiore potenza di carica rispetto a VOOC 3.0, VOOC 4.0 consente di caricare una batteria da 4000 mAh al 67% in 30 minuti e al 100% in 73 minuti

, il 12% più veloce rispetto alla generazione precedente secondo i dati forniti dalla stessa azienda. Ma questo non è tutto, visto che OPPO ha anche soppresso la generazione di calore attraverso un adattatore ad altissima efficienza e un design avanzato delle celle della batteria. Che vuol dire? Che anche se si utilizza lo smartphone per processi abbastanza pesanti, come una sessione di gioco prolungata che prevedrebbe, di norma, un surriscaldamento del dispositivo, la temperatura verrebbe invece controllata e non si rischierebbe di arrivare ad avere le mani bollenti.

oppo vooc 4.0

AirVOOC 65W

Da pochi mesi l’azienda ha inserito anche la AirVOOC 65W. Come suggerisce il nome si tratta di una tecnologia di ricarica senza fili (wireless) che permette di ricaricare il dispositivo senza necessità di utilizzare i cavi.  La tecnologia in questione arriva accompagnata da un nuovo dock di ricarica molto particolare. Questo è formato al suo interno da una doppia bobina in grado di ricaricare completamente una batteria da 4000 mAh in soli 30 minuti. Questo dock avrà anche una costruzione speciale in quanto è realizzato con una lastra di vetro e una ventola interna che permette di mantenere l’efficienza vicina al 90% e la temperatura non oltre i 40° C.

OPPO AirVOOC 65W

Flash Charge Oppo 125W

Qualora la tecnologia da 65W non fosse abbastanza, il brand è arrivato a ben 125W. La tecnologia di carica flash da 125W supporta USB-PD a 65W e USB-PPS a 125W ed è retrocompatibile con i dispositivi che integrano il precedente standard SuperVOOC per la ricarica da 65W. Dal punto di vista tecnico viene assorbita corrente da 6.25 A trasmessa attraverso una differenza di potenziale di 20V. Come abbiamo precedentemente affermato la batteria integrata negli smartphones verrà suddivisa in due parti e ognuna utilizzerà microcontrollori a 128 bit per ottimizzare la tensione e il flusso di corrente. Il brand ha affermato che integrerà dieci sensori di temperatura per mantenerla di sotto di 40 °C nonché un fusibile per la protezione da sovratensione al fine di garantire la sicurezza ed evitare qualsiasi rischio di incendio. La domanda vien da sè: e la qualità della cella? Oppo conferma che dopo 800 cicli di ricarica il potenziale della batteria arriva all’80% della sua capacità.

OPPO 125W Super Flash Charge

Fonte | Oppo Newsroom

TechToday è anche su ➡️ Google News ⭐️ Attiva la stellina e seguici!
Sottoscrivi
Notificami
guest
3 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] del campione di incassi Note 8 Pro. Interessante da notare è la continua corsa Xiaomi – Oppo per chi ricarica più forte, anche se il secondo brand sta chiaramente vincendo. Ora però la […]

trackback

[…] in dotazione nel box di vendita c’è anche un caricatore da quella potenza, alla faccia di Oppo. Xiaomi Mi 10 Pro farà quindi compagnia a Oppo Reno Ace per quanto riguarda la velocità e la […]

trackback

[…] Sicurezza: come tutti immagineranno ci sono degli standard di sicurezza da rispettare quando si costruisce uno smartphone e anche il reparto batteria vuole i suoi paletti. Sia adattatore, che il filo di ricarica, nonché il connettore sullo smartphone devono essere costruiti in maniera particolare e non come quelli “standard” che conosciamo. Si pensi ad Oppo che usa cinque misure di sicurezza per la sua SuperVOOC Flash Charge 2.0 da 65W. […]

TechToday
Logo