Recensione vivo X51 5G – Il re della fotografia digitale

Dopo aver testato la bontà del brand vivo con le sue cuffiette TWS Neo, abbiamo avuto l’onore ed il piacere di mettere mano su un pezzo forte della line up dei primi 3 smartphone lanciati ufficialmente qui in Italia dal brand asiatico, ovvero il vivo X51 5G, che rappresenta la filosofia che da sempre ha fatto grande il marchio in madre patria, ovvero l’arte di innovare.

L’azienda infatti è stata una delle prime a proporre sul mercato il lettore d’impronte sotto il display, produrre una smartphone con fotocamera pop-up ma anche il primo smartphone completamente borderless ed anche con vivo X51 5G, l’OEM ha fatto centro, rendendolo unico grazie all’integrazione di una camera gimbal. Ma non perdiamoci in chiacchiere e partiamo con la recensione completa di questo gioiello tecnologico.

vivo x51 5g

Il primo impatto è da effetto WOW fin dalla confezione di vendita, caratterizzata da una colorazione con predominante di colore blu/grigio che restituisce giochi di luce in base a come viene colpita dalla luce. All’interno, alloggiati in diversi scomparti, curati come fosse una confezione da gioielleria troviamo:

  • vivo X51 5G;
  • Caricatore da muro con presa europea di tipo FlashCarge 2.0 con outpot max 11V-3A / 33W;
  • Cavo USB-Type-C per ricarica e trasferimento dati;
  • Adattattore Type-C / AUX per cuffie cablate;
  • Auricolari cablati di tipo in-ear;
  • Tappini in silicone di ricambio per auricolari;
  • Spillo per rimozione vassoio SIM;
  • Manualistica (presente la lingua italiana);
  • Cover di protezione in silicone trasparente.

VALORI SAR

  • 1,205 W/kg (corpo)
  • 1,239 W(kg (testa)

Fin dal primo incontro con lo smartphone, possiamo apprezzare la bontà e la cura nei dettagli che l’azienda ripone nella produzione dei propri terminali, per quanto vivo X51 5G non risulti nulla di nuovo in termini di design. Abbiamo però un look decisamente elegante grazie ad una back cover rivestita da un vetro opaco (colorazione Alpha Grey) che peraltro non trattiene impronte digitali e sporco, o perlomeno lo fa molto di meno rispetto il tradizionale vetro di altri device. Nello specifico l’azienda si affida ad un vetro Schott Xensation UP, un brand tedesco poco conosciuto ma che già da qualche tempo accompagna i dispositivi del brand. Non so dirvi se sia migliore o no rispetto un classico Corning Gorilla Glass, ma nel complesso questo si è rivelato resistenti ad urti e graffi che potrebbero derivare da un utilizzo non proprio attento.

Molto belli gli inserti in metallo lucido sul profilo superiore dove troviamo le scritte 5G e PROFESSIONAL PHOTOGRAPHY che identificano da subito l’essenza dello smartphone, oltre che trovare il microfono secondario per la riduzione dei fruscii in chiamata. Specularmente, sullo stesso tipo di inserto troviamo invece il microfono principale, l’ingresso USB Type-C 2.0 con supporto OTG, speaker di sistema di tipo mono e il vassoio SIM, in grado di ospitare 2 SIM in formato nano, ma senza possibilità di utilizzo di una micro SD. vivo X51 5G non è impermeabile ma possiamo comunque apprezzare gli inserti in “gomma” che proteggono proprio il vassoio SIM all’interno, quasi a suggerire una sorta di resistenza water proof.

I sottili profili laterali sono realizzati in metallo lucido, restituendo solo la presenza del tasto di accensione e bilanciere del volume sulla destra, mentre il profilo sinistro risulta pulito e privo di elementi.

Tornando al posteriore, di certo rilievo è la bellezza del camera bump, una soluzione a doppio spessore, che integra la quad camera ed il sensore LDAF, per la messa a fuoco di tipo laser, mentre a destra del comparto fotografico troviamo la presenza del flash LED e sensore di temperatura colore. Praticamente nascosti, abbiamo anche la presenza di due ulteriori microfoni che oltre a perfezionare l’audio in chiamata svolgeranno la funzione, in fase di registrazione video, di Audio ZOOM, ovvero zoomando sul soggetto inquadrato verrà anche amplificato il suono catturato dalla camera.

Come avrete intuito dal contenuto della confezione di vendita, non troviamo ingresso AUX per auricolari così come non è presente il lettore d’impronte digitali tradizionale, in quanto è stato integrato sotto lo schermo, con una resa decisamente ottima e rapida nello sblocco. Il migliore che ho provato fino ad ora, peraltro tramite software possiamo andare anche a personalizzare l’animazione di comparsa dell’impronta e dello sblocco stesso.

Prima di passare ad altro affrontiamo subito il tema legato alla resa audio, ovvero dello speaker che ribadisco è solo di tipo mono. Una stonatura rispetto alla totalità delle feature che avvicinano il dispositivo ai top di gamma del momento. Ad ogni modo il volume d’ascolto è piuttosto elevato, senza distorcere, ma sotto tono sono risultati i bassi, ma nulla di drammatico, considerando che vivo X51 5G conta su un chip audio indipendente AK4377A, che regala un audio di altissima qualità. Promosso lo speaker anche in modalità vivavoce.

Altro elemento di pregio di questo smartphone è rappresentato dal display, un pannello AMOLED da 6,56 pollici che offre risoluzione Full HD+ (2376 x 1080 pixel), con form factor in 19,8:9 e refresh rate a 90 Hz, con possibilità di scegliere se tenerli sempre attivi, impostare il valore su un tradizionale 60 Hz oppure affidarsi alla modalità intelligente che adatta il valore in base al contenuto riprodotto sullo schermo, permettendo quindi di risparmiare anche batteria.

vivo x51 5g

Abbiamo il supporto ai contenuti HDR10 e HDR10+, certificazione Widevine di livello 1, potendo quindi godere di contenuti in streaming in HD su piattaforme come Netflix ma anche Amazon Prime Video, mentre la luminosità di picco arriva a 1000 nits (1300 nits in SDR). Tutto ciò si traduce in un’ottima visibilità anche sotto luce diretta del sole, neri profondi e resa cromatica eccellente, in ogni condizione. Ma se siete dei perfezionisti dell’immagine, potete sempre tarare colori e punto del bianco via software.

Prima di addentrarci sulle prestazioni del dispositivo, voglio darvi i valori relativi a dimensioni, pari a 158,46 × 72,80 × 8,04 mm per un peso di 181,5 grammi, che di fatto non regalano un’ergonomia tipica di smartphone compatti, ma che permettono comunque l’utilizzo anche ad una singola mano, ad esempio per lo sblocco col lettore d’impronte oppure all’occorrenza potete sempre rivolgervi alla camera selfie posizionata nell’unico elemento di disturbo del display, ovvero il punch hole (foro da 3,96 mm), traslato sul bordo superiore sinistro.

Effetto wow del display, garantito anche da cornici davvero ridotte all’osso in cui comunque l’azienda ha saputo inserire un’ampia capsula auricolare e sensoristica, oltre che alla curvatura 3D dei bordi, che comunque non peccano di tocchi involontari e che non soffrono nemmeno si aberrazioni cromatiche a determinate angolazioni. Lo spessore ridotto ha permesso comunque l’inserimento di una batteria da 4315 mAh che supporta la ricarica rapida vivo FlashCarge da 33W, regalando in 30 minuti un pieno d’energia del 57%.

E l’autonomia è stata una gradita sorpresa, perché al netto di hardware di ottimo livello e refresh rate a 90 Hz mi ha permesso di affrontare la mia giornata senza il timore di rimanere a secco, ottenendo valori medi di circa 6 ore e mezzo di schermo attivo, senza mai dover ricorrere a connettività WiFi, ma soprattutto di dare una “bottarella” di ricarica. Assente invece un sistema di ricarica wireless, ma personalmente non ne ho mai fatto uso su altri smartphone.

Advertisement

vivo X51 5G si impone sul mercato come un top di gamma, ma sotto il cofano non offre l’hardware high end, ma fa affidamento al SoC Qualcomm Snapdragon ™ 765G a cui si affianca la GPU Adreno 620, oltre che 8 GB di RAM LPDDR4X e 256 GB si storage interno UFS 2.1 non espandibile. A livello di connettività lo smartphone può contare sull’ottima ricezione del modulo WiFi a doppia banda (2.4/5 GHz), Bluetooth 5.1, GPS con possibilità di aggancio dei satelliti Galileo e NFC con pieno supporto a Google Pay. Manca la Radio FM ma questa è praticamente assente su buona parte dei terminali presenti sul mercato.

Nonostante l’hardware più “risicato” rispetto un vero top di gamma, posso dire senza essere smentito che le prestazioni di vivo X51 5G sono sbalorditive. Questo smartphone è un petardo nell’apertura e gestione in memoria della applicazioni oltre che a permettere ottime e definite prestazioni nel gaming, anche coi titoli più impegnativi, come Genshin Impact o Call of Duty Mobile, che si avviano e si possono utilizzare senza alcuna limitazione e con framerate più che buoni.

Non dimentichiamoci poi che il device offre connettività 5G di tipo Dual Standby, ottenuto con l’ultimo aggiornamento firmware, anche se personalmente non ho potuto saggiarne la bontà, cosa che penso gran parte di voi non potrà fare, ma ho sempre navigato in modalità 4G+ con velocità di picco davvero elevate e senza mai incappare in incertezze o freeze del segnale.

vivo x51 5g

Complice dell’estrema fluida ed ottima user experience di vivo X51 5G è senz’altro il software impiegato basato su Android 10 con patch di sicurezza di settembre ed interfaccia personalizzata dalla FunTouch OS in versione Global. Ma a smanettare nell’interfaccia sembra quasi di avere a che fare con un sistema Android Stock, pertanto tutto ordinato e senza troppe complicazioni, seppur siano presenti tante personalizzazioni che rendono premium l’esperienza d’utilizzo, di per sé rapida ed efficiente.

Troviamo ad esempio la modalità gioco ultra, abilitare e programmare la modalità scura oltre che a beneficiare delle tante personalizzazioni grafiche per le animazioni ad esempio di inserimento cavo USB, sblocco con impronta digitale, effetti luminosi per ricezione di notifiche e chiamate, animazione di ricarica e perfino animazione per il tracciamento tramite occhi del soggetto inquadrato dalla fotocamera.

vivo x51 5g

Ma il vero pezzo forte di vivo X51 5G è rappresentato senza dubbio dal comparto fotografico impreziosito da una gimbal camera che si affida al sensore Sony IMX598. Ma prima di parlarne è meglio fare un attimo una panoramica sui sensori presenti sul dispositivo.

  • Comparto fotografico X51 5G
    • Principale 48 MP con stabilizzazione dell’immagine OIS gimbal, sensore personalizzato IMX598, lenti a 7 elementi, f/1.6;
    • 13 MP utilizzata per ritratti, focale da 50mm,  f/2.46, EIS e zoom ottico 2x;
    • 8 MP ultra grandangolare FOV 120°, funzione anche di foto macro (messa a fuoco da 2,5 cm), f/2.2;
    • 8 MP teleobiettivo periscopico, zoom ottico 5x + zoom digitale 60x,  f/3.4 OIS
    • Fotocamera frontale: 32 MP, f/2,45
vivo x51 5g

Continuiamo a definire la camera principale del vivo X51 5G come gimbal, ma in realtà all’interno del meccanismo non troviamo alcun sistema motorizzato che restituisce la stabilizzazione, ma l’ottica è montata su una sospensione a doppia sfera che sfrutta un sistema elettromagnetico oltre che il movimento meccanico per ottenere una stabilizzazione 3D flessibile, permettendo di ruotare e compensare angolazioni del 300% più ampie rispetto agli stabilizzatori OIS, ovvero movimenti d’inquadratura che vanno da -3° a +3°, quando le normali ottiche stabilizzate rimangono ferme a +/-1°.

Tutto questo si traduce in una qualità video e fotografica pazzesca, ad esempio girando video in 4K a 60 fps, dove in genere le stabilizzazioni di tipo EIS vengono disabilitate ed infatti scendendo a risoluzione 1080p a 60 fps, dove interviene anche l’EIS, il risultato è decisamente straordinario.

Ma anche in modalità notturna si notano i grandi benefici del sistema utilizzato dallo smartphone vivo, ottenendo scatti decisamente più luminosi, privi di rumore digitale e soprattutto azzerando il micro mosso che in genere in tale modalità di scatto. Abbiamo anche la possibilità si scattare in modalità Astrofotografia che SuperLuna. Complice della resa eccellente è anche l’algoritmo AI impiegato dal software che di base offre anche tante feature per il pre e post produzione, come i tantissimi filtri, a volte specifici per singole modalità di scatto. Troviamo infatti le pose per i ritratti, i filtri più innovativi per effetti suggestivi mozzafiato e molto altro.

Unico bug che ho potuto ravvisare nel software fotografico è quando proviamo a scattare una foto in modalità notturna con lo zoom 2X: in questo caso la fotocamera dopo una lenta elaborazione dell’immagine va in blocco, ma poco male perché gli scatti migliori di notte si ottengono con la camera principale. Nel complesso le foto sono di suggestiva bellezza in tutte le condizioni d’illuminazione. Infine segnaliamo che è possibile switchare da un’ottica all’altra, ad esempio da standard ad ultrawide, in modalità video ma solo a risoluzione 1080p 30 fps.

CONCLUSIONI

Al momento vivo X51 5G è venduto in esclusiva dalla catena di distribuzione elettronica Euronics al prezzo di 799 euro, una cifra senz’altro importante e non alla portata di tutti, rivolgendosi quindi a pochi, quasi una nicchia che cerca in un dispositivo mobile tutta l’efficienza di una macchina fotografica professionale, un po’ come avviene per gli utenti, che si avvicinano ai flagship di casa Apple. Certo vivo è un brand praticamente sconosciuto alle nostre latitudini, ma il biglietto da visito sporto con l’X51 5G è senz’altro d’impatto, in considerazione dell’unicità e dell’innovazione introdotta con la gimbal camera. Ci troviamo al cospetto di uno smartphone di prestigio, ma non possiamo nascondere che un prezzo più economico avrebbe favorito la vendita così come la possibilità d’acquisto in altri store, anche digitali come Amazon.

vivo però ha un bagaglio d’esperienza raccolta in madre patria che senz’altro si ripercuoterà positivamente anche in Italia e le premesse con questo X51 5G sono davvero strepitose. Promosso a pieni voti consigliamo il dispositivo, anche se forse il consiglio è quello di attendere un calo di prezzo, ma nel frattempo benvenuta vivo qui in Italia.

Advertisement
TechToday è anche su ➡️ Google News ⭐️ Attiva la stellina e seguici!
9.1 Total Score
VIVO X51 5G

Il flagship italiano da parte del brand VIVO è rappresentato da questo strepitoso X51 5G, che offre una completezza unica, in termini hardware ma anche software. Spicca la gimbal camera con cui spremere il sensore per una resa foto e video davvero superiore a tanti top di gamma.

CONFEZIONE
9.3
DESIGN E MATERIALI
9.4
DISPLAY
10
HARDWARE
8.8
AUDIO E RICEZIONE
8.3
SOFTWARE
9.6
FOTOCAMERA
9.8
BATTERIA
8.7
ERGONOMIA
8.2
ESPERIENZA UTENTE
10
PREZZO
7.5
PROS
  • GIMBAL CAMERA
  • RESA FOTOGRAFICA
  • DESIGN CURATO
  • OTTIMIZZAZIONE SOFTWARE
  • PRESTAZIONI DA TOP DI GAMMA
CONS
  • PREZZO
  • VENDITA ESCLUSIVA SU SINGOLO STORE FISICO GDO
User Rating: Be the first one!
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
TechToday