Advertisement

Oppo Find X2 Pro: la ricarica rapida a 65W di non rovina la batteria | Test

Oramai sappiamo che Oppo è leader indiscusso nel settore della ricarica veloce degli smartphones. Non a caso poco tempo fa ha svelato la sua nuova tecnologia di ricarica da 125W con cavo e 65W wireless. Fin qui tutto bene se non fosse che in molti, utenti non specializzati nel settore o anche specializzati, hanno da subito accusato la potenza di ricarica in quanto minerebbe la salute della batteria. Questo è vero se la cella di ricarica non fosse ottimizzata, certo. Ma comunque c’è poco da dire se non si fanno esperimenti. I colleghi di DDay.it lo hanno fatto con Oppo Find X2 Pro e il risultato è stato eccellente. Vediamo i dettagli insieme.

Il test in laboratorio su Oppo Find X2 Pro ha dimostrato che dopo un alto numero di cicli la ricarica rapida non rovina la batteria dello smartphone

Prima di vedere il test completo portato avanti dai colleghi italiani (e per una volta andiamo fieri che sia questa la fonte) ricapitoliamo velocemente che cosa abbiamo sotto la scocca dell’Oppo Find X2 Pro. Chiaramente parliamo del comparto batteria: 4260 mAh a doppia cella ricaricabile con Flash SuperVOOC 2.0 da 65W, cablata ovviamente. Ora passiamo al test: questo è perdurato per 45 giorni strizzando il dispositivo al massimo. Cosa vuol dire? Significa che le prestazioni del Find X2 Pro sono state utilizzate al massimo delle sue potenzialità e cioè è sempre stato sfruttato il display a 120Hz così come la risoluzione massima QHD+ e la connessione 5G.

I cicli di ricarica effettuati dal team sono precisamente 248, stabiliti da loro come limite di cicli effettuati da un utente medio in un anno. Si ricordi che le prestazioni sono pompate al massimo, dunque nella realtà dei fatti tali cicli sono maggiori di più. L’inizio del test si è avuto il 25 marzo con versione software CPH2025_11_A.06: si era totalizzato 7 ore e 39 minuti di utilizzo. Dopo i quasi 250 cicli di ricarica il dispositivo è arrivato a totalizzare 6 ore e 30 minuti

Advertisement
di utilizzo. Questo significa solo un 15% in meno rispetto all’inizio.

I cicli di ricarica sono stati fatti dal 5% di batteria residua al 100%: uno stresso “inutile” nella vita quotidiana che porta la cella ad un degrado molto più veloce rispetto a se caricato tra il 20% e l’80%. Chiaramente ad un impoverimento della potenza della batteria è risultato anche un aumento della temperatura durante la ricarica di Oppo Find X2 Pro.

 

Si è passati da 36° ai 44°. C’è da dire però che nei mesi di aprile e maggio il clima è andato a farsi sempre più caldo e dunque il surriscaldamento del device può essere imputato anche a questo. In ogni caso alla fine della fiera abbiamo perso in totale solo il 15% di batteria residua dall’inizio del test. I pronostici dello staff erano 35% e dunque possiamo affermare che lo smartphone si è comportato in maniera egregia. In effetti anche il brand stesso aveva affermato che dopo circa 500 cicli di ricarica, la vita della batteria rimaneva in condizioni buone.

Tutto questo per dire che Oppo sta facendo un ottimo lavoro e a 360°: non ha solamente aumentato la potenza di ricarica ma anche ottimizzato la batteria stessa in modo che il device possa rimanere in salute per più tempo possibile. Resta da vedere se in futuro l’azienda cinese farà lo stesso con la ricarica a 125W cablata e quella a 65W wireless. Quest’ultima in particolare resta un’incognita in quanto non si hanno dati certi, al momento, neanche da parte di altri brand. Oppo è infatti la prima azienda al mondo ad aver raggiunto questo primato e tocca dunque a lei fornirci i primi dati circa la possibilità di integrare con sicurezza queste tecnologia sui devices.

Fonte | DDay.it

 

Advertisement
TechToday è anche su ➡️ Google News ⭐️ Attiva la stellina e seguici!
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
TechToday