Advertisement

Oppo cerca start-up da inglobare e deposita numerosi brevetti per il 5G

Da bravo colosso della telefonia, proprio come fece e sta ancora facendo Xiaomi, Oppo ha deciso di inglobare a sé diverse start-up. Questo trend che sembra essere molto comune al giorno d’ggi permette non solo di risparmiare miliardi in ricerca e sviluppo ma anche di partire da un momento già avanzato di ricerca. Infatti, il fatto che Oppo stia cercando di acquistare aziende che già hanno iniziato a studiare in determinati ambiti, le permetterà di raggiungere ottimi risultati prima degli altri. Secondo quanto riportato da Economictimes

Advertisement
, il brand si sta muovendo anche per depositare numerosi brevetti per quanto riguarda la connessione 5G in India. Non dimentichiamo che Oppo non vuole solo acquistare altre aziende, ma collabora anche: un esempio è la partnership con colossi come Ericsson.

Oppo cerca start-up da inglobare e deposita numerosi brevetti per il 5G

Oppo ha affermato di essere alla ricerca di start-up per incubare e sviluppare servizi e applicazioni che il produttore cinese stesso potrebbe integrare con la propria skin Android ColorOS 7. La società ha anche iniziato a depositare brevetti nel campo dell’innovazione 5G. Non a caso è stato aperto da poco un centro di ricerca e sviluppo a Hyderabad.

“Ci sono alcune start-up che abbiamo selezionato e crediamo che i loro servizi, se integrati nella nostra piattaforma, porteranno una migliore esperienza utente. Ora stiamo lavorando a stretto contatto. Siamo molto aperti a collaborare con loro per qualsiasi servizio che migliora l’esperienza del consumatore e per integrare le loro soluzioni nel nostro sistema operativo. Presto vedremo nuovi servizi e soluzioni.” ha dichiarato il vicepresidente R&D Tasleem Arif di Oppo India.

Realme 5G

Il produttore cinese ha recentemente siglato accordi con gli stati indiani di Telangana e Kerala per sviluppare e supportare start-up e imprenditori che lavorano in settori specifici di elaborazione delle immagini, batterie, reti 5G, pagamenti, intelligenza artificiale e giochi. Per quanto riguarda le partnership con questi due stati, lo stesso Tasleem Arif ha detto che Oppo ha in programma di formare più di una partnership a livello statale.

Secondo quanto dichiarato, Oppo ha depositato brevetti sul 5G: in particolare ce ne sono 20 già consegnati più altri ancora in cantiere e che verranno presentati a breve. La società è attualmente impegnata in assunzioni per il suo centro di ricerca e sviluppo locale e aumenterà la forza lavoro da 300 a 500 dipendenti entro la metà del 2020. Quindi un’immensa forza lavoro per Oppo.

Lanciando una frecciatina a OnePlus, l’ufficiale del brand ricordato come ultimamente il colosso capitanato da Pete Lau (ex Oppo, tra l’altro) abbia avuto problemi per quanto riguarda la privacy dei dati personali dei propri utenti. In questo campo Oppo si sta impegnando per dare ai consumatori un tipo di software super efficiente e conforme alle leggi.

Advertisement
TechToday è anche su ➡️ Google News ⭐️ Attiva la stellina e seguici!
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
TechToday